La ricerca di un momento “d’oro” per investire può rivelarsi un buco nell’acqua se non si hanno chiari i propri obiettivi: rivolgersi ad un esperto è fondamentale.

In un momento delicato e grande incertezza come quello attuale è fortemente sconsigliato farsi prendere la panico ed agire d’impulso. Certo, ciascuno ha le sue peculiarità (tolleranza al rischio, situazione patrimoniale, ecc.) e ciascuno, soprattutto in situazioni come quella in cui ci troviamo, manifesta delle distorsioni (i cosiddetti bias) comportamentali e quindi è tanto più necessario evitare di fare da soli e rivolgersi al proprio consulente.
L’investitore deve ragionare in un’ottica di obiettivi di investimento e di orizzonte temporale.
La storia ci insegna che i mercati finanziari cominceranno a crescere, mancarne la ripresa può in questo momento creare problemi all’investimento nel lungo termine molto più gravi del calo azionario che abbiamo visto in questi giorni. Questo è un concetto chiave che deve guidare le scelte degli investitori, e che orienta anche le nostre analisi: i mercati sono difficilmente prevedibili e la stragrande maggioranza degli investitori non ha tutto il tempo e tutte le competenze che servono per investire autonomamente in modo efficiente.
Fare market timing, ossia intercettare il momento giusto per entrare e uscire dai mercati, non riesce neanche ai massimi esperti di finanza e la soluzione non sta certamente nelle operazioni mordi e fuggi. Sono operazioni che denotano, oltre a mancanza di pianificazione sul medio lungo periodo, una scarsa maturità dell’investitore ed una paura evidente di stare sul mercato beccandosi ribassi e rialzi.
La realtà dei fatti è che queste operazioni oltre ad essere inefficienti e costose a causa dei costi di compravendita danno piccolo gain momentaneo e sfociano in un successivo immobilismo per assenza di idee e mancanza di pianificazione: in numeri credo fortemente si tratti di un modo inefficiente di investire. Certo è buffo scoprire che in nazioni con educazione finanziaria più elevata
(Svizzera e Germania ad esempio) l’orizzonte di investimento sia quasi doppio di quello italiano.
Al netto di tutto è lampante come abbandonarsi a gesti d’impulso o alla paura può mandare in fumo mesi di lavoro: affidarsi ad un esperto del settore, con anni di esperienza alle spalle, è la chiave di volta di un investimento fruttuoso.